Skip to main content
Vincenzo Isoldi

Vincenzo Isoldi

Creare una web serie durante un anno all’estero è uno dei modi di raccontare la propria esperienza in modo unico e davvero coinvolgente. Lo ha fatto Vincenzo, che ci racconta come è riuscito a racchiudere in una serie di video la sua avventura in UK.

10

Gli episodi della sua web serie

Guarda il primo qui.

10

Episodi

Puoi trovare il primo episodio qui

Ciao Vincenzo! Ti va di presentarti?

Ciao, sono Vincenzo Antonio Isoldi e ho 18 anni! Circa due anni fa sono partito con WEP per un semestre all’estero in Inghilterra e ho vissuto a Southampton cercando di immedesimarmi quanto più possibile nella vita di un ragazzo del posto e immergermi in quella cultura. Grazie a WEP ho potuto portare con me una videocamera con la quale ho registrato i momenti più significativi della mia esperienza e farne una web serie.

Che cosa ha significato per te condividere la tua esperienza attraverso questa web serie?

È sicuramente un modo per ricordare e rivivere la mia esperienza, ma uno dei miei obiettivi principali è stato trasmettere la voglia di intraprendere un’avventura simile, capace di arricchire davvero tanto. Attraverso la mia web serie, pur cercando di divertire, ho provato a trasmettere il mio semestre in UK nella maniera più oggettiva possibile: l’entusiasmo della partenza, l’imparare una nuova lingua, il comprendere come si vive in una nuova cultura… e anche i “momenti no”, che è normale affrontare in un soggiorno del genere.

Puoi farci qualche esempio delle difficoltà che hai dovuto superare?

Ne ho incontrate di vario genere. Dalle più stupide, come fare la lavatrice o imparare a fare il nodo alla cravatta, alle più serie, dovute al relazionarmi con i ragazzi del posto. Ora ho amicizie fortissime, alcune anche più forti di quelle in Italia, ma integrarmi durante il primo periodo è stata una sfida. Un mese molto movimentato, ma che comunque non cambierei: mi sono sentito come in una serie TV, dove in alcuni momenti bisogna stringere i denti e risolvere dei problemi, ma alla fine ce l’ho fatta. In molti casi spesso la soluzione è, semplicemente, dialogare.

Tornando alla tua serie web, avevi in mente già dall’inizio quali episodi o tematiche l’avrebbero composta?

Vagamente, ma non avevo delle idee definite. Cercavo di cogliere quotidianamente quello che mi offriva l’esperienza: se vivevo un momento positivo o negativo, tendevo a raccontarlo.

fare una web serie in uk - colazione
fare una web serie in uk - amica
londra

Ti eri già cimentato con un progetto simile prima della partenza?

No, anche se mi piaceva girare dei video destinati a rimanere privati. Buttarmi in questa nuova esperienza insieme a WEP, che mi ha dato tutti gli strumenti per creare una web serie, mi ha aiutato a capire come raccontare la mia storia a un pubblico più vasto. Pian piano, cercavo di produrre qualcosa sempre migliore e adesso, riguardando i video, vedo già degli aspetti che potrei migliorare. Chiunque può cimentarsi in un progetto del genere e imparare strada facendo.

Quanto ha influito sul tuo semestre all’estero in Inghilterra raccontare attraverso una fotocamera ciò che stavi vivendo?

Abbastanza, anche perché prendere una fotocamera in alcuni momenti non è troppo piacevole. A volte vivevo situazioni che mi sarebbe piaciuto riprendere, ma che non volevo interrompere per farlo. Ho imparato a riconoscere cosa va registrato e cosa semplicemente vissuto.

Come è cambiata la tua vita sui social dopo la pubblicazione della web serie?

Fondamentalmente è rimasta la stessa, ma la vera novità è che ogni giorni nella mia chat Instagram arrivano domande da ragazzi che sono in partenza, soprattutto verso l’Inghilterra, dove mi chiedono informazioni sull’esperienza. Essere contattato per dare dei consigli a persone che stanno per intraprendere la mia stessa avventura è davvero gratificante.

Che cosa consiglieresti a chi, come te, volesse raccontare l’avventura che sta per vivere attraverso una web serie?

So che può essere difficile, ma la cosa che consiglio in assoluto è quella di essere i più sinceri possibile e cercare di trasmettere le emozioni che si stanno provando in quel momento. Inoltre è preferibile registrare in un momento di serenità emotiva, altrimenti è facile che lo stress traspaia nel video, a meno che non si voglia raccontare proprio quello stato d’animo.

Dal punto di vista tecnico, raccomando di controllare sempre il microfono. Mi è successo svariate volte di scoprire la mancanza dell’audio solo a registrazione conclusa. Anche la luce è fondamentale: consiglio di filmare di giorno, di fronte a una finestra. Infine, di evitare rumori di fondo, cercando ambienti il più silenziosi possibile.

Di recente hai fatto nuovamente visita alla tua famiglia ospitante: hai avuto modo di produrre un nuovo video per l’occasione?

Sì, ho deciso di ritornare in Inghilterra durante le vacanze di Natale per trovare la mia host family e tutti gli amici con cui sono rimasto in ottimi rapporti, tanto da considerarli tra i migliori in assoluto. Ho deciso di registrare cosa si prova quando un exchange student torna nel suo paese ospitante dopo un lungo periodo. È stato davvero bellissimo e denso di cose da raccontare, come le facce sorprese di chi mi rivedeva dopo due anni!

E adesso, arrivati al termine di questa web serie, come riassumeresti il perché sia valsa la pena raccontare la tua avventura?

Lo rifarei senza pensarci anche solo perché potrei convincere un ragazzo, o la sua famiglia, a partire! È il mio obiettivo principale: chiunque dovrebbe vivere questa esperienza che, anche se ho provato a raccontare, rimarrà indescrivibile finché non la si vive.

web serie in uk - famiglia ospitante
web serie in uk - famiglia ospitante
famiglia ospitante di vincenzo
famiglia ospitante di vincenzo

Per vivere grandi storie come questa serve attitudine. Tu credi di averla?

Mettiti alla prova
Attitude Trail: l primo passo per superare i tuoi confini
Attitude Trail: l primo passo per superare i tuoi confini

Per vivere grandi storie come questa serve attitudine. Tu credi di averla?

Mettiti alla prova
Priscilla Rubbo

Author Priscilla Rubbo

Lavoro come videomaker, mi occupo di montaggio, streaming, webinars, YouTube. Ho fatto l’anno nell’Evergreen State, Washington, USA. Adoro la creatività, Halloween e i libri sui marinai.

More posts by Priscilla Rubbo